BIOGRAFIA – Biography

Carlo Conti, sassofonista romano nato nel 1979, inizia a suonare all’eta di 11 anni con Mauro Guidi  e continua gli studi  frequentando il conservatorio “Morlacchi” di Perugia con il prof. Mario Raja.

 

Nel 2007 arriva secondo al premio Massimo Urbani.

 

Prende parte a diversi seminari con George Garzone, Dave Liebman, Steve Sleagle, Mark Turner.

 

Nel corso degli anni suona con diverse orchestre tra cui: Mario Corvini Orchestra, Shorty’s Monday Night Orchestra diretta da Marco Omicini, Gianni Oddi Sax Ensamble, Orchestra Villa Celimontana diretta da Mario Corvini, P.M.J.O. diretta da Maurizio Giammarco, Orchestra Barrio San Lorenzo (Havana) diretta da Marco Omicini, Massimo Nunzi Jazz Orchestra, Mario Raja Big Bang, Orchestra Operaia diretta da Massimo Nunzi, Tankio Band di Riccardo Fassi, Roma Termini Orchestra di Enrico Blatti.

 

Partecipa al  sestetto di John Ramsay ed ha collaborato con: Bob Gullotti, Eddie Henderson, George Garzone, Gene Perla, Blly Hart, Uri Caine, Joe Remer, Dan Kinzelmen, Bill  Holman, Greg Hutchinson, Greg Osby, Steve Slagle, Vince Benedetti, Frank Tiberi, Leo Genovese, John Arnold, Greg Burk, Andy Gravish, Francisco Mela, Julito Padron, Yaroldi Abreu, Manolin, Daniele Tittarelli, Claudio Corvini, Maurizio Giammarco, Fabrizio Bosso, Pietro Lussu, Stefano Micarelli, Cristiano Mastroianni, Tiziano Ruggeri, Enrico Bracco, Antonello Salis, Francesco Diodati, Pietro Ciancaglini, Niccolò Fabbi, Carmen Consoli e molti altri.

 

Nel 1999 comincia il cammino con il gruppo “Rossomalpelo”, progetto di Sergio Gaggiotti di musica classificabile in manouche cantato. In oltre 10 anni di attività suonano nei locali italiani più importanti, con  passaggi radiofonici da Radio Rock a Rai Stereo Notte  e nel 2010 partecipano al concertone del Primo Maggio a Piazza San Giovanni in Roma. All’attivo due album in studio: “Rossomalpelo” e “23 con il pelo e con il vizio”.

 

Nel 2003 prende vita il quartetto “Adamo Quartet” formato da Carlo Conti, Daniele Tittarelli, Marco Valeri e Vincenzo Florio. Suonano diverse volte alla Casa del Jazz per il festival Giovani Leoni e per Mundus a Reggio Emilia presentando brani del primo Ornette Coleman proposti in chiave moderna.

 

Nel 2005 forma insieme a Tiziano Ruggeri  il quintetto “i Conti Ruggeri” e si esibiscono nei seguenti festival: Festival Esperanto / Vieni in Provincia Festival – Villa Borghese Roma / Garbatella / Monterotondo / Latera in jazz / Fara Sabina.

Nel 2006 incidono per la Philology  il loro primo disco “ Cabosong”, proponendo brani originali di fattura hard bop e non.

 

Suona dal 2005 con il funambolico gruppo jazz core NEO.

Nel 2008 registrano il primo disco “Water Resistance” per l’etichetta discografica Megasound e nel 2010 intraprendono una tournée di 50 giorni che attraversa gli Stati Uniti d’America, partendo da Chicago dove registrano il disco “Neoclassico” nello studio di Steve Albini, e passando per New York, New Orleans, Los Angeles, San Francisco e molte altre città.

Nel corso della tournée ha il piacere di confrontarsi con diversi musicisti della scena jazz core e jazz americana tra i quali Mike Watt e Ron Handerson.

 

Nel 2009/2010 parte per l’Havana, Cuba, dove prende parte a diverse registrazioni e diversi spettacoli dal vivo con l’Orchestra Barrio San Lorenzo e la pianista Bejita esibendosi nel  famoso jazz club “Zorra el Cuervo”  e registrando nel leggendario teatro “Sono Carribe”, sia con l’orchestra che con il quintetto a suo nome con Julito Padron, David Alfaro, Nestor Del Prado, Oliver Valdes ed El Pollo.

 

2012: si esibisce per 10 repliche al Teatro Olimpico di Roma per “L’Opera da Tre Soldi“, con Massimo Ranieri e Lina Sastri, con l’orchestra diretta dal Maestro Lanzillotta (altre 3 repliche al Teatro di Ravenna).

 

2012: insieme ad altri importanti jazzisti della Capitale danno vita al collettivo AGUS organizzando dei concerti nello storico spazio “IL CANTIERE”, diventato oggi il fiore all’occhiello del jazz romano.

 

Nel 2006 fonda il Carlo Conti Trio, formato da Vincenzo Florio (bass), Armando Sciommeri (batteria), Carlo Conti (sax).

All’attivo due dischi con ospite George Garzone: “Restrizioni Ingiustificate” e “La Grande Beffa” quest’ultimo anche con Pietro Lussu al piano.

Hanno suonato in festival importanti come “ Viggiano Jazz Festival“ nel doppio concerto con Roberto Gatto e al Gaeta jazz festival.

Il trio ormai altamente rodato è considerato uno dei progetti più interessanti della scena jazzistica italiana.

 

Nel 2013 tramite il pianista Karry Luhtala comincia un capitolo nord euoropeo: il quartetto con Stefano Nunzi (bass), Valerio Vantaggio (batteria), Karry Luhtala (piano) e Carlo Conti (sax) è in tournée in Finlandia per ben 4 volte nel corso di due anni avendo una risonanza pubblicitaria a livello nazionale.

 

Dal 2015 inizia la collaborazione con Roberto Gatto nel trio Mr. Jones, tributo ad Elvin Jones, esibendosi a Palazzo Braschi, alla manifestazione musicale Batterika, al Festival delle Serre di Cerisano (Cs) e al Festival del Jazz di Monte Mario dedicato a Masimo Urbani.